Close

Papà tatuato

illustrazioni di Sergio Mora
traduzione di Francesca Lazzarato
ISBN 9788889025819

Non disponibile

Descrizione

Papà è tutto un tatuaggio. Tigri, elefanti, uccelli, serpenti, gorilla, scorrazzano senza sosta su tutto il suo corpo. Non c’è un centimetro della sua pelle che non sia tatuato. Sono belli a vedersi, ma sopra tutto sono magici. Basta sfiorarle con un dito e, meglio dei più moderni touchscreen, le immagini prendono vita. E raccontano storie. Il sonoro non è il dolby stereo, ma la calda voce di papà non è certo da meno. Sono storie avventurose, fantastiche, emozionanti, terrificanti. A volte penso che papà se le sia inventate di sana pianta. Ma poi ricordo certi miei sogni, certe mie paure, che non sono poi tanto diversi da quei racconti… Da due talenti della letteratura e dell’illustrazione contemporanea spagnola, un inno al potere dell’immaginazione.

Settembre 2009
Collana: albi
Area tematica: Storie visionarie e dell'assurdo
Età: dagli 8 anni in su
Pagine: 48
Formato: 22 x 31
Publicato In: lingua spagnola
filePapà Tatuato
2009-10-08-A
filePapà tatuato di Daniel Nesquens e Sergio Mora, un altro splendido libro della Orecchio acerbo per ragazzi du tutte le età
2009-09-27-Books blog
fileDa due talenti della letteratura e dell'illustrazione contemporanea spagnola, un inno al potere dell'immaginazione
2009-09-11-Borgo Librario
fileOrecchio acerbo
2009-10-26-Eclipse magazine
fileGenitori stravaganti
2009-09-10-Gioia Bambini
filePapà tatuato per Orecchio acerbo
2009-10-18-Gothic Network
filePapà Tatuato
2009-09-11-Letteratura per ragazzi
filePapà Tatuato
2009-10-02-Tifeo web
filePapà Tatuato
2009-11-11-Mangialibri.com
fileI tatuaggi di papà sono magiche storie
2009-10-23-Visto
fileTatoo art
2009-11-13-Flair
fileAlla scoperta del mondo grazie ai viaggi di papà
2009-10-24-Il Giorno
fileSe le avventure ti rimangono tatuate sulle spalle
2010-05-03-Il Giornale
filePapà tatuato, Magicomora e Nesquens
2009-10-30-Liblog
filePapà tatuato
2009-09-04-Furemagazine
fileDire, fare, baciare
2009-11-06-Grandimostre
filePapà tatuato
2011-10-23-The lost Innocence
filePapà tatuato
2012-02-29-Pop Corn Blogazine
filePadri speciali
2012-12-31-L'Unità
Intro
Le frottole incredibili del padre giramondo e inaffidabile, il figlio ‘quasi un uomo’ deciso ad amare nonostante tutto.
1. Il corpo scritto
Anche senza tatuaggi, la nostra pelle è scritta da molti segni, come la pagina di un libro. Cicatrici, tagli, fori ai lobi delle orecchie; segni dovuti alla varicella, a una caduta, a una scelta di look, all’abitudine nervosa di mangiarsi le unghie. Raccontiamo la nostra storia passata attraverso un viaggio sul corpo. E oggi, cosa c’è dietro la pelle secca delle nostre mani o un taglio che non vuole guarire?
2. Lettera
Il ragazzo per il suo compleanno riceve una lettera importante. Ne abbiamo mai scritta o ricevuta una?
3. Questioni di famiglia
Lui viene e va, non si sa se e quando torna. Eppure, il ragazzo ama quel padre vagabondo che ride con gusto, odora la casa d’incenso, talvolta beve troppo. Com’è la nostra famiglia? Ne conosciamo i gusti, le passioni, le debolezze? Cosa ci ferisce e cosa invece ci riscalda della nostra famiglia? Papà tatuato a modo suo racconta come ha conosciuto mamma e i primi anni di vita del piccolo: chiediamo ai nostri genitori di raccontarci cose lontane...le due versioni coincidono? Cosa ci racconta mamma e cosa invece papà? Come raccontano?
4. Un groviglio dentro e fuori
Dal pesce osso al vomito di fuoco, la fantasia del papà narratore galoppa a briglia sciolta. Il groviglio è forse quello che l’uomo, inquieto, sente nel cuore, combattuto com’è tra andar via e restare. Proviamo a fare un gioco (bisogna essere almeno in due, ma se si è in tanti è meglio): disegniamo a turno su un bel foglio di carta una cosa (qualunque cosa è accetta) anche senza apparente legame con il disegno già tracciato dall’altro giocatore, fino a coprire la superficie del foglio. Ne verrà fuori un quadro surreale sul quale scatenare i racconti! Ciascuno può inventare una storia a partire dal quadro e magari accorgersi di provarci gusto...