Close

Marie Curie

Nel paese della scienza

illustrazioni di Claudia Palmarucci
traduzione di Paolo Cesari
ISBN 9788832070217

16,50 15,68

Descrizione

La vita di Maria Sklodowska, una delle più grandi scienziate di tutti i tempi. Figlia di una direttrice di un collegio e di un professore, Maria cresce nella convinzione che il sapere rappresenta la sola vera ricchezza della vita. E sarà questa la forza motrice che guiderà ogni sua scelta, non ultima quella di affrontare mille sacrifici per poter andare alla Sorbona di Parigi, dato che nel suo paese le università sono precluse alle donne. E poi: le lauree in fisica e in matematica, il grande amore per Pierre Curie, la scoperta del polonio e del radio. Poi ancora, la morte di Pierre. E il suo amore per il prossimo che la porta a utilizzare tutti i suoi studi e le sue scoperte per assistere i feriti in guerra. Dalla passione di Irène Cohen-Janca e dalle mani sapienti di Claudia Palmarucci – oltre 80 immagini, una per ogni pagina – un libro che parla ai più piccoli di coraggio, tenacia, amore e solidarietà.

Ottobre 2019
Collana: albi
Area tematica: Grandi temi
Età: dagli 8 anni in su
Pagine: 88
Formato: 16,5 x 26,5
Publicato In: Brasile, Spagna, Corea e Cina
Premio: Bologna Ragazzi Award 2020 Non Fiction «Una biografia sapiente e mai didascalica, vibrante di emozioni,(…) una narrazione al contempo intima, personale e pubblica. Lo stile delle illustrazioni, realistico nell’accuratezza delle ricostruzioni storiche, è caratterizzato a una peculiare qualità surreale. (…). Il libro fonde magistralmente la storia dell’arte con quella della scienza.» Premio Orbil 2020; Vincitore del Selo Cátedra 10 UNESCO 2021
fileMarie Curie nel paese della scienza
2019-11-11-Teste fiorite
fileMarie Curie nel paese della scienza
2019-11-07-Atlantidekids
fileMarie Curie nel paese della scienza
2019-10-26-La Stampa - Tuttolibri
fileMarie Curie nel paese della scienza
2019-11-04-Lettura candita
fileMarie Curie, una vita (illustrata) spesa per lo studio e per gli altri
2019-11-26-Scaffale basso - Avvenire
fileLa storia e la vita di Marie Curie narrata ai ragazzi
2020-03-10-Corriere della sera
fileDisegno per ore. Ma c'è tanta incerezza
2020-03-26-Quotidiano Nazionale - Il Resto del carlino
fileMarie Curie
2020-05-01-Andersen
fileL'umanità della scienza
2020-05-15-Internazionale
fileMarie Curie nel paese dei disegni.
2020-06-14-Allonsanfan
Intro.
La vita di Maria Skłodowska, una delle più grandi scienziate di tutti i tempi. Figlia di una direttrice di un collegio e di un professore, Maria cresce nella convinzione che il sapere rappresenti la sola vera ricchezza della vita. E sarà questa la forza motrice che guiderà ogni sua scelta, non ultima quella di affrontare mille sacrifici per andare alla Sorbona di Parigi, dato che nel suo paese le università sono precluse alle donne. E poi: le lauree in fisica e in matematica, il grande amore per Pierre Curie, la scoperta del polonio e del radio, due premi Nobel. Poi ancora, la morte di Pierre. E il suo amore per il prossimo che la porta a utilizzare tutti i suoi studi e le sue scoperte per assistere i feriti in guerra. Un esempio straordinario.
1. Tutto serve
Il padre di Maria, professore di matematica e fisica, ha trasmesso ai suoi figli il gusto per il sapere e ha sempre detto loro che ogni occasione poteva essere utilizzata per imparare qualcosa: un tramonto può aiutare a capire la rotazione della terra, in una gita in campagna si possono imparare molte cose sugli insetti. Le esperienze accendono le curiosità che sono il motore dell'apprendimento. Ti è mai capitato di imparare qualcosa, non studiandolo a scuola sui libri? Quali sono le tue curiosità, non solo quelle scientifiche, e quali sono gli ambiti in cui ti piacerebbe saperne di più? In classe stilate un elenco e formate dei piccoli gruppi di lavoro su temi che possono essere affini: il gruppo delle entomologhe, il gruppo degli speleologi, il gruppo delle astronome, il gruppo dei tessitori e così via...
2. Fame e sete, sostantivi femminili
Quando Maria finisce la scuola vorrebbe continuare a studiare perché la sua fame di sapere e la sua sete di studiare sono insaziabili, ma nel suo paese, la Polonia, a ostacolare il suo desiderio di andare all'università c'è una legge che ne vieta l'accesso alle ragazze. Ed è per questa ragione che le due sorelle, prima Bronia e poi Maria, decidono di andare a studiare all'estero, in Francia, a costo di enormi sacrifici. Anche in Italia, nonostante sia un paese culturalmente avanzato, i casi di discriminazione e pregiudizio nei confronti delle donne sono molto più diffusi e striscianti di quanto si possa pensare. Sono poche le donne che riescono a raggiungere posizioni di prestigio, e spesso le loro carriere, se confrontate con quelle dei colleghi uomini, si fermano qualche gradino più in basso. Inoltre esistono attività che sembrano circoscritte all'ambito maschile: ci sono donne che guidano camion, che sono barbiere, calzolaie, idrauliche, falegname? Scopritelo e poi aprite una discussione in classe sull'argomento.
3. Un mazzetto di ravanelli
Verrebbe da chiedersi, in un libro che racconta la storia di Maria Skłodowska Curie, cosa ci faccia l’immagine di un mazzetto di ravanelli. Quei ravanelli, che attirano così tanto la nostra attenzione, rappresentano il grande sacrificio cui si sottopose una giovane ragazza polacca emigrata a Parigi, per poter coltivare ciò che aveva sempre amato: la scienza. Spesso l'abnegazione, lo sforzo, la rinuncia, sono tutte disposizioni che una passione grande ci richiede. A che cosa sei disposto a rinunciare in nome di un obiettivo più alto che ti sei prefissato?
4. La scienza e l'umanità
Il caso della scoperta dei raggi X da parte del professor Rötgen, come quella del radio da parte di Maria Skłodowska e Pierre Curie, sono esempi virtuosi. In entrambi i casi, le due scoperte fondamentali per la salute dell'umanità non sono legate a un brevetto, e sono state fin dall’inizio accessibili a tutti. La stessa Maria allestì alcune auto provviste di macchina radiologica da usare al fronte durante la Prima Guerra mondiale. Cosa pensi del fatto che i progressi della scienza debbano essere messi al servizio dell'intera comunità? L'argomento è molto attuale riguardo al tema del brevetto dei vaccini contro il Covid-19.
5.
Così Giacomo Leopardi definì sette anni della sua vita passati sui libri a studiare, senza maestri, il latino, il greco, il sanscrito, il francese, l'inglese, il tedesco e lo spagnolo, ma anche l'astronomia e la fisica. Lo studio che ha fatto Claudia Palmarucci (puoi leggere in proposito le sue note alla fine del volume) per realizzare al meglio le tante tavole che illustrano il libro non è durato sette anni, ma almeno sette mesi durante i quali l'illustratrice, mossa dalla stessa sete e fame di sapere di Maria Skłodowska e di Giacomo Leopardi, ha cercato in molte direzioni informazioni e suggestioni. Sarebbe molto interessante che in classe provaste a seguire i suoi percorsi iconografici.