Close

Issun Boshi

ISBN 9788896806838

Non disponibile

Descrizione

Prega oggi prega domani, il figlio tanto desiderato da quei due contadini finalmente arrivò. Ma è piccolo, minuscolo, non più alto di un pollice di bambino. Piccolo, certo, ma ha il coraggio di un leone. E così Issun Boshi, questo il suo nome, con i doni dei suoi genitori –una ciotola di riso come scudo e un ago appuntito come spada– parte per il mondo in cerca di un posto su misura per lui. Lungo il cammino incontra una creatura mostruosa che gli offre uno scambio: se il piccolo riuscirà a portargli il tesoro del Signore della città, l’orco, con il suo mazzuolo magico, restituirà a Issun la statura che i genitori hanno dimenticato di dargli… Ma Issun, a rubare non ci pensa proprio! E così abbandona l’orco al suo destino e s’incammina verso la grande città dove, ballando e cantando, rallegrerà una principessa annoiata e incontrerà l’amore. L’orco però, non rassegnato, trova Issun e lo inghiotte in un boccone. Ma il coraggio non abbandona Issun Boshi neanche di fronte al pericolo estremo, e il duello è nella pancia di quell’orco crudele… Per arrivare infine ad impadronirsi del magico mazzuolo, diventare grande, e conquistare finalmente lo sguardo –e soprattutto il cuore– di quella principessa che a malapena si accorgeva di lui.

Aprile 2014
Collana: albi
Area tematica: Storie visionarie e dell'assurdo
Età: dai 5 anni in su
Pagine: 32
Formato: 21,2 x 33,8
Publicato In: lingua francese
fileIl boom delle favole per chi non sa leggere
2014-03-24-il messaggero
fileL'amore trasforma le apparenze
2014-04-30-SuperAbile
filelo scaffale dei piccoli
2014-04-27-la Repubblica
fileTra fumetto e illustrazione
2014-07-03-Internazionale
fileUn pollicino giapponese
2014-07-03-Internazionale
filePollicino, un amore pieno di colori
2014-07-03-il messaggero
fileIssun Boshi
2014-12-01-solo libri per bambini
fileIssun Boshi: Il bambino che non era più grande di un pollice, ovvero La rivincita dei piccoli
2015-01-15-APEdario
Intro.
Issun Boshi è piccolo, minuscolo, non più alto di un pollice di bambino. Piccolo, certo, ma ha il coraggio di un leone. Con i doni dei suoi genitori –una ciotola di riso come scudo e un ago appuntito come spada– parte per il mondo in cerca di un posto su misura per lui. Lungo il cammino incontra un orco che gli propone uno scambio: l'altezza in cambio della figlia del re della città. Ma Issun, a rubare non ci pensa proprio! Arrivato a destinazione, rallegrerà la principessa e incontrerà l’amore. Ritrovato l'orco, Issun Boshi lo affronta senza paura e, finito nel suo stomaco, lo vince definitivamente.
1. A mia misura
I genitori di Issun Boshi volevano un piccolo, anche molto piccolo. E infatti così avvenne. Questo loro figlio, alto come un dito di bambino, fu molto amato e ben presto capì che la sua diversità poteva essere un'opportunità piuttosto che una mancanza, un pregio piuttosto che un difetto. Quali sono i difetti del tuo carattere o del tuo aspetto fisico che vorresti amare di più e trasformare in positivo?
2. Partire alla ventura
Ad Issun Boshi manca l'altezza, infatti non è più alto di un pollice, ma di certo ha coraggio da vendere. Così decide, all'età di quindici anni, di lasciare i suoi genitori e di partire alla ventura per cercare il suo posto nel mondo. Il suo viaggio in solitudine è verso l'ignoto e potrebbe riservare molte insidie. A te spaventa l'ignoto quando sei in viaggio? Hai mai esplorato luoghi, magari anche dietro casa tua, ma a te del tutto sconosciuti?
3. Un bell'ago che gli stava a pennello
Il padre di Issun Boshi gli regala un ago che si rivelerà molto utile. A te in viaggio piace avere molte cose con te, oppure in valigia metti solo l'essenziale? Cosa non lasceresti mai a casa, partendo per un lungo viaggio?
4. Ho un affare da proporti
L'orco che Issun Boshi incontra sul suo cammino gli propone un affare. Se lui, piccolino, sarà in grado di portagli il gran tesoro conservato nella casa del signore, in cambio riceverà l'altezza che gli manca. La risposta di Issun Boshi è secca e perentoria: non voglio diventare ladro per ottenere una cosa che la sorte non mi ha concesso. Il suo coraggio è stato ancora una volta molto grande: non è facile dire di no a chi è più forte di noi. Ti è mai capitato che uno più grande di te ti proponesse cose che tu non consideravi giuste?
5. Assumetemi, voglio lavorare!
Issun Boshi è in cerca del suo destino e sa molto bene che la dignità di ciascuno passa attraverso il lavoro. E sa altrettanto bene che ognuno deve accettare se stesso per quello che è, e quindi la sua minuscola altezza non rappresenta un ostacolo al suo desiderio di lavorare. Ogni essere umano deve poter avere un'opportunità di realizzazione. Tu da grande cosa vorresti fare?
6. Punse e ripunse
Issun Boshi con un coraggio da gigante dalla pancia del mostro combatte la sua battaglia più difficile. Un po' per la rabbia, un po' per amore, ma soprattutto per il desiderio di veder trionfare la giustizia, quel piccolino riesce a vincere. La forza bruta nella vita non è utile per farsi valere. Quali sono le qualità che occorrono? Conosci altre storie famose di giganti sconfitti da piccolini?