Close

Il grande cavallo blu

illustrazioni di Maurizio A. C. Quarello
traduzione di Paolo Cesari
ISBN 9788896806227

Non disponibile

Descrizione

Paolo vive a Trieste, la città della bora. Va a scuola, adora i pasticcini alla crema, e abita al San Giovanni, un ospedale. Un ospedale molto speciale, dove si cura chi ha male all’anima. Figlio della lavandaia, è l’unico bambino, e il suo amico del cuore è Marco, il vecchio cavallo che trasporta i fagotti della biancheria. Chiuso tra le cancellate invalicabili dell’ospedale, trascorre i suoi pomeriggi insieme con l’uomo-trottola, la donna scalza, l’uomo albero… Fino al giorno in cui un nuovo dottore, ostinato come il vento e matto da legare, decide di slegare tutti i malati e abbattere quelle cancellate. Si chiama Franco Basaglia.

Aprile 2012
Collana: racconti e romanzi
Area tematica: Memoria, Raccontare la diversità
Età: dai 10 anni in su
Pagine: 44
Formato: 16,8 x 24
Premio: Primo classificato Premio Legambiente 2013|||:::Secondo classificato al Premio Cassa di Cento 2013|||:::Terzo classificato Premio Soligatto 2013|||
fileLibri per piccoli antidoti alla crisi
2012-03-17-il Manifesto
fileLa donna scalza e l'uomo albero
2012-04-10-Corriere della sera
fileIl grande cavallo blu
2012-04-19-Vento nuovo
fileIl grande cavallo blu
2012-04-17-Punto e linea magazine
fileLibri & Conflitti: la recensione
2012-04-18-Contro la crisi
fileRaccontare l'innominabile 2: Il grande cavallo blu (orecchio acerbo)
2012-04-18-Mondo editoriale
fileMarco Cavallo e il folle coraggio di raccontare ai bambini
2012-04-17-Atlantidezine
fileIl Grande Cavallo Blu - Orecchio Acerbo
2012-04-25-La scatola del tè
fileIl grande cavallo blu
2012-04-26-Progetto Wonderland
fileIl grande cavallo blu
2012-04-25-Ovunque libri
fileIl portinaio Achille
2012-05-27-La lettura del Corriere della sera
fileMiglior illustratore
2012-06-08-Andersen
fileLa storia del manicomio di San Giovanni a Trieste raccontata dalla voce, innocente, di un bambino.
2012-07-04-La Sesia online
file
2012-07-16-Superabile
fileLa libertà che guarisce
2012-08-03-L'Osservatore romano
fileIl grande cavallo blu
2012-07-23-Liber
fileRaccontami una storia
2012-08-21-TuStyle
fileIl grande cavallo blu
2012-09-17-Il mangialibri
fileScaffale basso
2012-10-18-Avvenire Popotus
fileIl grande cavallo blu
2012-10-29-Corriere di Saluzzo
fileMarco Cavallo parla francese diventando “le cheval bleu”
2012-11-04-Archivio il Piccolo
fileIl grande cavallo blu
2012-12-04-Di.To
fileIl grande cavallo blu
2013-06-19-Hey Kiddo!
fileIl grande cavallo blu
2013-06-19-Hey Kiddo
fileMatto come un cavallo
2013-09-01-Neuramagazine
fileIl grande cavallo blu
2013-09-25-Piccolo Genio
fileLuHa: il grande cavallo blu
2016-04-15-Il Corriere del Trentino
fileEntrare fuori, uscire dentro
2017-04-18-Corriere di Rieti
fileEntrare fuori, uscire dentro
2017-04-18-Il Corriere di Viterbo
Intro.
Paolo vive a Trieste e abita al San Giovanni, un ospedale. Un ospedale molto speciale,dove si cura chi ha male all’anima. Figlio della lavandaia, è l’unico bambino,e il suo amico del cuore è Marco, il vecchio cavallo che trasporta i fagotti della biancheria. Chiuso tra le cancellate invalicabili dell’ospedale, trascorre i suoi pomeriggi insieme con l’uomo-trottola,la donna scalza, l’uomo albero…Fino al giorno in cui un nuovo dottore, ostinato come il vento decide di slegare tutti i malati e abbattere quelle cancellate. Si chiama Franco Basaglia.
1. Non è come gli altri
L'ospedale S. Giovanni di Trieste non era come gli altri. Accoglieva tra le sue mura persone malate di mente. Sono uomini e donne che si comportano in modo diverso. Il loro modo di pensare ed esprimersi usa linguaggi differenti da quelli consueti ed è per questo che la malattia della mente ci spaventa molto. Perché è difficile da capire. Tu conosci qualche persona che soffre di questo tipo di malattia?
2. Le porte chiuse a chiave
L'ospedale di S. Giovanni, come tutti i manicomi, era circondato da alti muri e a ogni finestra c'era una grata. In passato gli ospedali per malati di mente somigliavano a prigioni e i ricoverati erano più detenuti che pazienti. Tenere rinchiuse le persone che hanno male all'anima pensi che possa essere d'aiuto per il loro percorso di guarigione?
3. Vecchio e stanco
Il cavallo che fedelmente ha lavorato come trasportatore all'interno dell'Ospedale ora è vecchio e non rende più come un tempo. Sostituirlo con un camioncino e il destino del cavallo è segnato. Il bambino si oppone e ne difende il diritto al riposo e alla libertà. Quando si diventa vecchi si diventa inutili? Guardati intorno ed elenca quante cose utili fanno le persone anziane che conosci.
4. Rompiamo la porta!
Il dottor Basaglia, un po' come la bora, ha rivoluzionato la psichiatria. Ha fatto in modo che una legge tutelasse i diritti fondamentalic dei malati: ha aperto le porte dei manicomi, ha dato loro la possibilità di tornare a vivere nella società, ha dato loro ascolto e la possibilità di esprimersi. Li ha resi di nuovo persone. Quali sono per te i diritti fondamentali di cui un uomo deve godere? Confrontali con la Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948.
5. Marco Cavallo
Marco Cavallo, un cavallo enorme, blu, fatto di cartapesta e cartone, è nato all'interno di uno dei laboratori voluti da Basaglia a Trieste. È il simbolo di una libertà riconquistata e nella pancia porta i desideri di tutte le persone che nel 1973 erano lì. Per farlo uscire e girare per Trieste con tutti i malati in festa si dovettero sfondare i muri dell'ospedale. Per far trionfare una idea in cui credi saresti disposto ad osare tanto?
6. La città del vento
Trieste è la città della bora: un vento gelido che arriva dalla Siberia e che soffia così forte che gli abitanti della città, camminando, devono tenersi alle corde. Conosci altri venti e sai i loro nomi e per ciascuno di essi la provenienza? Il vento è un fenomeno naturale che può essere pericoloso, ma anche molto utile. Puoi elencare alcuni motivi in cui si rivela utile e altri dannoso?