Stéphane Poulin

“Mi capita a volte ‘di star sulla luna’ per lunghi momenti, e quando ritorno in me mi accorgo che l’immagine s’è disegnata da sola. Un po’ come quando si cammina e, senza neppure accorgersene, si evitano gli ostacoli.” Per quanto sia anche affermato scrittore, è nelle illustrazioni che Stéphane Poulin si identifica. Canadese del Quebec, pubblica il suo primo libro a ventiquattro anni, nel 1985, e da allora praticamente senza soluzione di continuità ogni anno è stato finalista dei premi più importanti –dal Prix du Gouverneur Général al Prix illustrations jeunesse- non di rado aggiudicandoseli. Cresciuto insieme con otto tra fratelli e sorelle, ama conoscere persone di tutto il mondo, e farsele amiche. Facilitato dal successo internazionale dei suoi libri. Tra i suoi ultimi illustrati per Sarbacane a noi piace ricordare “Bartleby le scribe” di Melville, e “Au pays de la mémoire blanche” di Carl Norac. Nel catalogo di orecchio acerbo "La zattera" di Olivier de Solminihac (2015). 

Nel nostro catalogo:

La zattera