Pittore e illustratore, Martin Jarrie (pseudonimo di Jean-Pierre Moreau) è nato nel 1953 in Vendée. Dal 1981 vive e lavora a Parigi. Dopo un periodo iperrealista, ha cambiato stile –e nome– per un’espressione più libera e pittorica influenzata talvolta dal surrealismo, dall’arte antica italiana, dall’”art brut” e dall’arte contemporanea. Lavora per magazine, editoria e pubblicità. Le sue immagini hanno caratterizzato numerose testate fra cui: Télérama, Le Monde, Libé, La Vie, Enjeux, The New-Yorker. In pubblicità ha lavorato per Cned, Cetelem, Scholtès, Heidsieck e la regione Ile de France (di cui dal 2001 cura l’immagine del Festival del Film ambientalista). La sua passione per i dizionari l’ha portato nel 2007 a realizzare “L’alphabet fabuleux” uscito nelle edizioni Gallimard. Nel 2004 grazie a – e con – Alain Serres, ha pubblicato nelle edizioni Rue du Monde un ricettario ispirato ai suoi quadri di frutta e verdura: “Une cuisine grande comme un jardin”. Nel 1997 ha ricevuto il grand prix alla Biennale d’Illustrazione di Bratislava per i due album ”Le colosse machinal” (testo di Michel Chaillou) e “Toc, toc, monsieur Cric-Crac!” (testo di Alain Serres) entrambi pubblicati da Nathan. Le sue pitture sono esposte al Musée de la Chasse et de la Nature, in rue des Archives a Parigi, alla Galerie Frédéric Bosser e alla Galerie Jeanne Robillard, sempre a Parigi. Fra i suoi numerosi libri ricordiamo anche: “Le masque d’or et de sang” di Michel Amelin (Nathan, 1997); “Quel cadeau pour le Père Noël ?” di Fanny Joly (Nathan, 1998); “Princesse Anna” di Marc Cantin (Nathan, 1998); “Un petit air de famille" di Alain Serres (Rue du monde, 1998); “Les étonnants animaux que le fils de Noé a sauvés” di Alain Serres (Rue du monde, 2001); “On vous écrit de la Terre, opera collettiva (Rue du Monde, 2001); “J’ai été mordu par un extra-terrestre” di Alain Grousset (Nathan, 2001); “Ceci est un livre” di Antonin Louchard (Thierry Magnier, 2002); “ Signes de maisons” (Thierry Magnier, 2003); “ABC-USA” (Sterling Publishing, 2005); “Bout de bois” di Jean Cagnard (Bonhomme Vert, 2005); “Drôles d’oiseaux” (Didier Jeunesse, 2006); “Bon appétit” di Edward Lear (Rue du Monde, 2007); “Au commencement, il y eut…” (Le poisson soluble, 2007); “Dans le cheval de Troie” di Philippe Lechermeier (Thierry Magnier,2007). Nel catalogo di orecchio acerbo: “In fin dei conti” (”Au bout du compte”. éditions Du Rouergue,2002) scritto da Régis Lejonc, che ha ottenuto il premio Baobab per il miglior albo illustrato. 

Nel nostro catalogo:

In fin dei conti