Che Daniel Fehr sia uno che ama far divertire la gente, lo abbiamo sospettato fin dal principio. Sebbene abbia studiato materie serissime come germanistica a Princeton e arti visive a New York e ancora prima in Svizzera, dove è nato nel 1980, tutti i suoi libri sono sempre ‘abitati’ da un gioco. Giocare è certamente l’ambito in cui la sua vena è più feconda: accanto ai libri, infatti, ha progettato per bambini e per grandi diversi giochi da tavolo. Sempre inaspettato, il punto di vista di Daniel Fehr spiazza i lettori, utilizzando il libro non solo come contenitore di una storia da raccontare, ma anche e soprattutto come oggetto ‘vivo’ pieno di trappole e trabocchetti.