Benoît Jacques è nato a Bruxelles dove ha frequentato l’Acadèmie Royale des Beaux-Arts e l’Ecole Nationale Supérieure des Arts Visuels de la Cambre. Finiti gli studi si è trasferito a Londra, e le sue illustrazioni sono apparse sui principali quotidiani e riviste inglesi. Dal 1991 vive e lavora in Francia, a Montigny sur Loing. Dal 1989 ha scelto di pubblicare i suoi libri con la casa editrice da lui stesso fondata, “Benoît Jacques Books”, presso cui sono usciti: “La nuit di visiteur” (2008), “C’est bizzarre” (2006), “Bestiare corse” (2005), “Attention extraterestres” (2005), “Chat” (2005), “Permis A” (2004), “Scandale au château suisse” (2004), “Je te tiens” (2003), “Nul en Calcul” (2003), “Titi nounours et la sousoupe au pilipili” (2002), “Comique trip” (2001), “Small Puzzles” (1998), “Labyrinthe” (1998), “Le double” (1998), “Carnet de liaison” (1998), “La Genese” (1995), “Le bestiaire expressioniste” (1990), “Play it by ear” (1989). Ha pubblicato anche: “Kabinett” (Nicolas Mahler, 2008), “Die Europanichos assimil” (Editions de l’Association, 2006), “Sagesses et malices des dieux grecs” di Laure Mistral (Albin Michel, 2004), “Louisa” (L’Ecole des Loisir, 2001), “Salto solo” di Pascale Petit (Editions de L’inventaire, 2001). Nel catalogo di orecchio acerbo: "Aprite quella porta" (2009), il suo primo libro tradotto in Italia. 

Nel nostro catalogo:

Aprite quella porta!