Jorge Ibargüengoitia

orge Ibargüengoitia Antillón, nato in Messico nel 1928 a Guanajuato, è stato drammaturgo, scrittore e giornalista ed è considerato uno degli autori latinoamericani più significativi. Acuto e ironico, critico feroce della società e della politica del suo paese, si è laureato in Filosofia e Lettere all’Università Nazionale Autonoma del Messico, ed è grazie al sostegno del Centro Mexicano de Escritores e delle fondazioni Rockefeller, Fairfield e Guggenheim che da subito ne hanno riconosciuto il talento, che ha potuto coronare il suo sogno di scrivere. Autore di romanzi, racconti, opere teatrali, articoli e storie per bambini, è prematuramente scomparso nel 1983 in un incidente aereo. Con il suo primo romanzo, “Los relámpagos de agosto” (1965), una pesante satira della rivoluzione messicana, ha visto il Premio Casa de las Américas. I suoi romanzi in Italia sono pubblicati da Sellerio: “Due delitti” (1999),“I lampi di agosto” (2002), “Le morte” (2004) e “Ammazzate il leone” (2005). nella collana Sur di Minimum fax è uscito “Messico, istruzioni per l’uso” (2018).