scegli un libro

Lindbergh
Intro.Germania 1912. Tempi duri per i topi: in città sono comparse trappole terribili. L'unico è emigrare, ma i gatti sono ovunque. Ma eccola, l’idea luminosa! Bisogna volare via, dall’altra parte dell’oceano. E in tutti quei libri che il piccolo topo ha letto, ci sono i disegni di Leonardo, e nelle cantine di Amburgo, tutto l’occorrente per costruire la sua macchina volante. Ben due i tentativi falliti clamorosamente. Ma di arrendersi non se ne parla neppure. Altri studi, nuovi perfezionamenti, e il piccolo topo coraggioso riesce finalmente ad arrivare a New York. La sua impresa è già leggenda, e corre sui muri della città. E un bambino resta incantato a guardare uno dei tanti manifesti, sognando che un giorno volerà anche lui.Quel bambino si chiamava Charles Lindbergh.
1. A leggere i libriLeggere apre la mente. Quel topolino sa bene che solo dopo aver studiato i libri scritti dagli uomini il suo ambizioso progetto potrà realizzarsi. La pratica del leggere in cosa sia è rivelata utile per te?
2. Quel posto così lontanoBisogna emigrare. L'America è un sogno per il topo rimasto solo ad Amburgo. Tu sai che primi del Novecento moltissimi italiani decisero di intraprendere lo stesso lungo viaggio verso l'America, con la speranza di trovare laggiù un lavoro e un po' di benessere che in patria non erano in grado di avere? Cosa sai del fenomeno delle migrazioni?
3. Sostenuti da possenti aliUno dei grandi limiti dell'uomo è quello di non poter volare. Fin dal principio dei tempi il desiderio di potersi innalzare dal suolo è stato uno dei sogni dell'umanità intera. I limiti sono fatti per essere superati, infatti adesso 'volare' non è più impossibile. Conosci nel passato tentativi famosi di volo umano? E se toccasse a te di decollare, qual è il mezzo che preferiresti utilizzare?
4. A fare progettiL'obiettivo che si è prefissato il topo è molto ambizioso e richiede grande studio e grande impegno e una buona dose di inventiva. A te piace giocare a costruire macchine complesse? Sai come funziona, per sommi capi, una macchina volante come quella progettata dal topo?
5. Alla continua ricercaNel mondo delle invenzioni meccaniche è molto raro che i prototipi siano perfetti già al primo tentativo. Di solito il risultato finale è frutto di tentativi successivi, di variazioni di progetto, di molti tentativi falliti. La tenacia e la fermezza sono doti che al topolino non mancano. Sapresti essere altrettanto puntiglioso e paziente per raggiungere un obiettivo in cui credi?
6. La distesa del possente oceanoLa storia della trasvolata del coraggioso topo ricorda molto quella di Charles Lindbergh (in realtà la sua partì dagli Stati Uniti e terminò in Francia, ma l'oceano sottostante resta l'Atlantico), leggenda dell'aviazione statunitense. Conosci altre storie di viaggi altrettanto eroici?
7. Sognava che, prima o poi...L'impresa del topo ha dell'incredibile. Un così piccolo animale eppure dotato di un coraggio da leone. Personaggi del genere facilmente divengono veri e propri miti. Chi è il tuo mito e in cosa vorresti emularlo?
Stampa Stampa