scegli un libro

La Portinaia Apollonia
IntroUn testo lineare, tante immagini asciutte e una storia minima che chiama in causa la Grande Storia. Un libro sulla paura e sul pregiudizio.
1. Vita in guerraLa fame e il freddo, la paura e la morte, la violenza e la disperazione, l’occupazione tedesca ma anche la connivenza fascista, la delazione e la solidarietà. Oggi la televisione trasmette i discorsi dei potenti e ci fa vedere le cartine geografiche dei territori colpiti dai bombardamenti: ma cosa significa vivere in guerra senza essere soldati? Cosa facevano e cosa invece non potevano fare Daniel e la sua mamma? Chiediamo ai nonni di raccontarci cosa ricordano di quegli anni difficili per l’Italia.
2. La forza del gruppoApollonia è derisa dagli amici di Daniel. Un po’ controvoglia, anche Daniel si unisce al gioco. Quante cose facciamo e diciamo pur di non restare fuori dal gruppo? Abbiamo il coraggio di essere in disaccordo con gli altri? Cosa temiamo accada in caso di disaccordo?
3. La paura e il pregiudizioDaniel sa che i nemici sono i tedeschi, eppure è terrorizzato delle streghe che mangiano i bambini, come Apollonia. La portinaia burbera sembra cattiva ma non lo è. Da cosa giudichiamo le persone? L’abbigliamento, il comportamento e le usanze che peso hanno nell’idea che ci facciamo degli altri? E le azioni e le idee? Abbiamo mai parlato con qualcuno che ci sembra ‘cattivo’ senza che abbia mai fatto nulla contro di noi? Spesso i nostri ‘cattivi’ ci sembrano così tremendi che non ci accorgiamo di nient’altro. Sapremmo dire cosa succede, oggi, nella nostra città, di davvero grave?
4. Il coloreUna storia di paura dipinta non in nero ma a colori vivaci. L’illustratrice usa soprattutto due complementari, il rosso e il verde, che messi vicini si rafforzano a vicenda e diventano squillanti come non mai. Per questo il rosso del libro ci sembra molto rosso e il verde molto verde. I colori complementari erano molto usati da quei pittori chiamati espressionisti proprio perchè volevano esprimere con forza le loro emozioni. Proviamo a dipingere da espressionisti Daniel in preda all’allegria o alla nostalgia...
Stampa Stampa