L’isola. Una storia di tutti i giorni

Tratto da L’isola di Armin Greder

Scrittura scenica di Alessandra Pasi
con Franz Casanova e Alessandra Pasi
sonorizzazione e illuminazione  Luca de Marinis
elementi grafici Filippo Fossati
foto di scena Angelo Redaelli

L’idea di una trasposizione teatrale delle graphic novels di Greder nasce dall’affinità tra la nudità crudele della sua arte e la poetica essenziale di nudoecrudo teatro. Dalla continuità tematica e stilistica tra le due storie pubblicate in Italia da Orecchio Acerbo si fa largo l’idea di allestirle in un dittico: due fiabe contemporanee e quasi contemporaneamente come due atti di un’unica opera.

Il primo studio indaga L’Isola, una lirica e livida favola dell’esclusione.
Una storia di tutti i giorni
che mette in scena la parabola dell’immigrazione clandestina.
Un mattino, gli abitanti dell’isola trovarono un uomo sulla spiaggia. L’uomo li vide e si alzò in piedi. Non era come loro.”
Così si apre la vicenda dello straniero senza nome che, solo e sperduto, approda all’isola degli uomini massicci e floridi. Mai accolto, è raccolto solo per l’insistenza di qualche anima pia e poi semplicemente rimosso, relegato in un luogo ai margini della società.
Ma, a volte, il rimosso ritorna.

 

 

Attivo dal 2001, nudoecrudo teatro lavora su una ricerca attorno ai minimi termini del teatro: il lavoro dell’attore, l’urgenza comunicativa e il rapporto col pubblico inteso come comunità estesa in cui opera, anche privilegiando spazi altri rispetto ai convenzionali luoghi di spettacolo. Una poetica che, rifuggendo gli armamentari della retorica, coniuga profondità e leggerezza, impegno civile e sperimentazione, e cerca una strada originale per rapportarsi con le forme e la sostanza della contemporaneità.
Nudoecrudo teatro è uno dei 3 gruppi vincitori del progetto 'Scena Prima-nuovi gruppi teatrali in Lombardia', ed ha all’attivo diversi riconoscimenti (Finalista Premio Ustica per il Teatro 2003; Selezione Premio Scenario 2005; Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo. Atene 2003; Vincitore Borsa Teatrale Anna Pancirolli; Vincitore Premio Periferie al Centro).
Dal 2002 al 2005 è stato promotore ed organizzatore di 'Teatro Senz’acqua', festival metropolitano di teatro e danza, presso la Cascina Torchiera di Milano. Dal 2005 il gruppo collabora stabilmente con l’Ufficio Cultura del Comune di Bollate nella proposta e programmazione culturale sul territorio ed è ideatore ed organizzatore dal 2006 del Festival Suburbia.